mardi 17 janvier 2017

Ecco il tuo posto "/ "Aqui tienes tu plaza" 2015 Margarita García Alonso


Elba, the Napoleon Experience
Titolo :"Ecco il tuo posto "/ "Aqui tienes tu plaza"
2015 Margarita García Alonso
Dimensioni : A4
Tecnique: collage, acrylic and pencil on cardboard
Submission from , Le Havre,France con Margarita Garcia Alonso Donato Grieco Maristella De Giuseppe

Elbe, l'expérience Napoléon
Titre :" voici ta place "/ " Aqui tienes tu plaza "
2015 Marguerite Garcia Alonso
Dimensions : A4
Technique : Collage, acrylique et crayon sur carton
Submission from, le havre, France avec Margarita Garcia Alonso Donato Grieco Maristella De Giuseppe


Tema Nel 2014 si è celebrato il bicentenario dell’ultimo anno vissuto da Napoleone ancora come protagonista della storia d’Europa, tra il 1814 e il 1815, tra l’esilio elbano e l’epocale disfatta nei pressi del villaggio belga di Waterloo, ed si intende celebrarlo con una chiave diversa dall’iconografia corrente dell’imperatore, solitamente legata alla sue imprese militari, o al suo autoritarismo progressista: tale chiave è il viaggio e l’esperienza ad esso legata. In un’epoca dove il viaggio “turistico” era già appannaggio di grandi intellettuali, scrittori, ed artisti, Napoleone usa le campagne da lui stesso ideate, come spedizioni alle quali potersi aggregare, con tutto l’interesse per i luoghi e le genti, che il suo spirito brillante poteva nutrire. Attrezzato, come un comune viaggiatore contemporaneo, di tenda – famosa quella per il suo acquartieramento durante le campagne militari –, e qualche buon libro – era sempre accompagnato da una ben fornita e selezionata biblioteca –, già prima di farsi incoronare imperatore aveva viaggiato in tutta la Francia, attraversato l’Italia, visitato Malta, l’Egitto, e la Siria. Prima della fine delle sue imprese, avrà calcato le terre dalla penisola iberica, gli infiniti spazi russi, e tutta l’Europa che vi è nel mezzo. L’Elba, e la sperduta isola atlantica di Sant’Elena, fanno di lui sicuramente uno dei più grandi viaggiatori della storia, capace di conferire un fascino particolare ad ogni locanda, dimora, reggia o castello, ove abbia messo piede, anche solo per una sosta, tanto da meritare in ciascuno di questi posti una epigrafe in ricordo del suo passaggio. Con gli occhi curiosi di un conquistatore non distruttore, ripercorriamo le distanze che il viaggio può far percorrere nell’immenso spazio dell’animo di chi lo compie. Molta letteratura della seconda metà del ‘700 è caratterizzata dai racconti di grandi viaggiatori, viaggi effettuati non per dovere o per lavoro, ma per puro diletto della scoperta o di semplice conoscenza di luoghi che si ritengono esotici finché non li si è visitati e visti coi propri occhi. Elba the Napoleon Experience®: Mail-art. Il secondo progetto, che è stato in realtà il primo che AB-OUT ha ideato nel Agosto del 2014, utilizza come forma di espressione artistica la mail art, pratica artistica dell’avanguardia storica, che consiste nell’inviare per posta a uno o a più destinatari cartoline, buste e simili, rielaborate artisticamente. La mail art è contemporaneamente il messaggio spedito e il mezzo attraverso cui è spedito (arte postale). Questo genere artistico si presta perfettamente al tema del viaggio. Il progetto nasce dall’idea di operare la rigenerazione urbana esperienziale attraverso l’idea del viaggio come una metafora della propria concezione di vita. Ogni artista secondo il proprio vissuto e secondo il proprio locus, espresso attraverso simboli linguaggi e tecniche libere e differenti, creerà delle mail art legate al tema del viaggio, dell’isola d’Elba, e di Napoleone. Dopo il termine stabilito per il ricevimento delle cartoline, sarà allestita una mostra di mail art itinerante sull’isola d’Elba ed in luoghi di importanza storica o culturale in giro per l’Europa legati a Napoleone sempre sotto la direzione artistica degli architetti ideatori e curatori del progetto Donato Grieco e Maristella De Giuseppe e del gruppo AB-OUT. Pagina Facebook del progetto “Elba The Napoleon Experience

Aucun commentaire: